Centro Recupero Cetacei

Home / Centro Recupero Cetacei

Il Centro Recupero Cetacei rappresenta un’esigenza fondamentale in una porzione di costa come la nostra, interessata in media da circa 20 spiaggiamenti annui di delfini in difficoltà o tartarughe che sono rimaste ferite da imbarcazioni.

Questo servizio è per legge sotto il controllo delle Capitanerie di Porto, le quali, avvalendosi della collaborazione di esperti in questo campo, attivano delle task force di pronto intervento in caso di avvistamenti di animali in difficoltà. In particolare sulla Costa Tirrenica è attivo il gruppo di pronto intervento del Centro Interuniversitario di Livorno.

Lo scopo del nostro Centro è quello di allestire un’area attrezzata direttamente in mare per il pronto intervento, dove possano essere portati gli animali feriti con l’aiuto della Capitaneria di Porto. Il personale qualificato del Centro Didattico di Biologia Marina dell’Argentario, formato e preparato dai ricercatori del Centro Studi Cetacei, coordinato e coadiuvato dalla Guardia Costiera e da veterinari del Delfinario di Riccione, potrà apportare le cure mediche del caso.

Il recupero d’animali feriti potrà essere allora anche un ottimo esempio educativo per incrementare il rispetto del mare e dei suoi abitanti.

Leave a Comment

ACQUARIO

L’Acquario Mediterraneo dell’Argentario è stato realizzato con l’intento di riprodurre più fedelmente possibile gli ecosistemi più indicativi del litorale della Costa d’Argento. Nell’ambito della fascia costiera, che va da 10 a 50 metri di profondità, sono rappresentati i piani infralitorale e circalitorale, nonché un ambiente con esemplari pelagici; evidenza è data anche alla presenza sempre più frequente in Mediterraneo di specie “lessepsiane”, che si sono introdotte ed acclimatate all’ecosistema Mediterraneo in seguito al taglio del Canale di Suez. L’Acquario Mediterraneo del Centro Didattico di Biologia Marina del Comune di Monte Argentario è dotato di ben 17 vasche di cui 7 panoramiche, che hanno una capienza che va da 2000 a 20.000 litri per un totale di circa 50.000 litri d’acqua di mare. Le vasche contengono centinaia di specie animali e vegetali, come: Cernie, Murene, Cavallucci marini, Polpi, Gattucci, Gattopardi, Aragoste, Anthias, Tanute, Ricciole, Spondili, Gorgonie, Posidonia e molte altre..